mercoledì 29 febbraio 2012

Consigli letterari: "13 Maggio" di Raffaella Nassisi


"13 Maggio" è il romanzo d'esordio di Raffaella Nassisi edito da Book Sprint Edizioni.
“Metto passione in tutto ciò che faccio, sono io, è il mio modo di vivere, giusto? Sbagliato? Non lo so, ma è l’unico modo che ho.”
Questa è Giulia, un po’ don Chisciotte in jeans, un po’ Peter Pan, 158 centimetri di concentrato di trentenne inquieta dell’hinterland milanese, piena di voglia di mordere la vita e che ancora non ha capito cosa vorrà fare da grande, nonostante sia già madre di un bambino di otto anni, che sta allevando da sola.
Dopo l’ennesima storia sbagliata, che le ha procurato infelicità, solitudine e attacchi di panico, Giulia smette di mentire a se stessa: se si sta male, non è amore, non può esserlo. L’amore fa star bene, ti fa sentire le bollicine della felicità, come se ti stappassero una lattina di Schweppes direttamente nel cervello.

lunedì 27 febbraio 2012

Consigli letterari: "Conosco a memoria le luci di Assisi" di Giuliana Pitti


Conosco a memoria le luci di Assisi
di Giuliana Pitti

"Conosco a memoria le luci di Assisi" di Giuliana Pitti è la cronaca di due gravidanze complicate ed è stato scritto durante la degenza ospedaliera di 37 giorni in attesa del secondo e ultimo figlio dell'autrice.

"I Manuali di scrittura creativa sostengono che il fascino della narrazione stia per lo più nella bugia, nella favola, nell'immaginazione.
Se è vero, queste pagine, che sono la cronaca più o meno puntuale di eventi realmente accaduti durante due complicatissime gravidanze, saranno per nulla e per nessuno affascinanti.
Posso aggiungere, però, che la narrazione può essere interessante se infiltrata in profondità di emozioni e sentimenti.
Quanto a questi elementi, ce ne sono eccome, anzi direi che sono importanti protagonisti, insieme ai miei figli e alla scrittura, mio privilegiato mezzo per comprendere le emozioni appunto, man mano che vengono svelate."
(Presentazione del libro "Conosco a memoria le luci di Assisi" di Giuliana Pitti)

domenica 26 febbraio 2012

Consigli letterari: "Dissonanti armonie" di Maria Rosaria Teni


Dissonanti Armonie
di Maria Rosaria Teni
" A Luis"    
Vita
come  piuma leggera
cadi per terra
e non sprofondi
nell’impronta eterna
quasi non fossi mai
esistita.
            A  Luis Sepulveda


"Dissonanti Armonie" di Maria Rosaria Teni (la cui prefazione è a cura di Maurizio Chierici) è una raccolta di poesie suddivisa in tre sezioni: Rabbia, Stelle e Silenzio.
Nella prima sono racchiuse poesie che nascono da un sentimento di insofferenza e disagio dinanzi a situazioni di degrado, di violenza e intolleranza. La rabbia scaturisce dalla consapevolezza che il nostro “villaggio globale” ascolta e si informa ma non interviene; il “tam-tam” quotidiano bombarda ma non induce a riflettere, come se la brutalità di certi avvenimenti fosse normalità di vita.
La seconda sezione prende un titolo quasi metaforico; guardando le stelle lo spirito si eleva al di sopra delle miserie umane: è come se, innalzando lo sguardo, si avviasse una sorta di purificazione interiore capace di riscattare l’inabissamento progressivo causato dal vano inseguimento di falsi ideali.
La terza sezione comprende versi che esprimono una non accettazione della vita come precaria condizione dell’esistere raccontando questo dissidio costante che sfocia nel silenzio; silenzio per guardare infine nell’Io profondo: “Solo nel silenzio della morte è racchiuso il mistero della vita”.
Le tre sezioni  non sono in realtà staccate; i temi dell’una si intrecciano e si ripercuotono anche nelle altre in un gioco ciclico di interrelazioni, a dimostrare come l’esistenza dell’uomo sia intessuta di elementi eterogenei, in apparenza dissonanti ma armonizzati nel miracolo della vita.


"La contraddizione di queste righe non è facile da nascondere: un giornalista, testimone meccanico della realtà, introduce la lettura di versi i quali raccolgono emozione e dolore che le onde della stessa realtà portano sul tavolo di una poetessa lontana dagli odori insopportabili della violenza; dai fuochi e dalla polvere che avvolgono ogni paura. Bisogna dire che l’abitudine ha sterilizzato nella non attenzione il dramma di popoli  in apparenza alla fine del mondo anche se il loro mondo ci raggiunge ogni sera sul piatto della cena, lampi Tv più o meno sempre gli stessi: quei corpi da dimenticare e le armi gloriose che li hanno colpiti. Occhi coperti di mosche nascondono la fame. Nella valigia del testimone è ripiegato il cinismo senza il quale il testimone non potrebbe andare e tornare per riprendere le abitudini della tribù alla quale appartiene. Ma fra i cinici è forse un cinico sincero. Si lascia portare dalla storia facendosi provvisoriamente carico di ogni sofferenza.

sabato 25 febbraio 2012

Recensione: "Pulviscolo di Stelle" di Fernanda Raineri


Pulviscolo di Stelle
Di Fernanda Raineri
"Il viaggio"
La vita è un viaggio di sola andata,
tra percorsi di rovi e di spine che graffiano il cuore,
traversate tranquille su pacifici mari,
trasportati dal vento soffiato dalle passioni,
che ti spinge lontano, verso l'orizzonte,
dove il mare si incontra con il cielo;
talvolta ti perdi in sterminati deserti di solitudine e silenzio
e ascolti dell'anima il sussurro,
che ti riporta di nuovo sul tuo cammino.
(Tratta da "Pulviscolo di stelle" di Fernanda Raineri)

"Pulviscolo di Stelle" è una silloge poetica di 60 componimenti che raccontano attimi di vita palpitanti di emozioni e imbevuti di sogni, la magia della realtà vista con gli occhi di chi non ha smesso di sognare, la bellezza della natura che risveglia i sensi, ma anche la fede, l'amore, gli affetti. "Pulviscolo di Stelle" è la poesia che illumina il mondo mostrandone i colori e le sfumature.
Ogni gesto, ogni profumo, ogni pensiero, ogni cosa che l'occhio abbraccia trasuda emozioni, per chi le sa cogliere, e Fernanda Raineri non solo le sa cogliere, ma con queste poesie le trasmette a chi ha scordato quanto sia straordinaria la vita, quanto sia meravigliosa la natura che ci circonda e quanta magia ci sia nella semplicità
Sempre presi dall'affanno e da una società che annichilisce, gli occhi finiscono per vedere senza osservare veramente, senza contemplare con lo sguardo del cuore"Pulviscolo di Stelle" vuole risvegliare la parte che in ognuno di noi è ancora in grado di riflettere, di stupirsi e di sognare. Per farlo ci prende per mano accompagnandoci fin sulle Alpi innevate, per poi tuffarci nel mare e mostrarci l'immensità di una goccia di rugiada. Ci immerge il viso nel profumo di glicine, attraversando le stagioni, accarezzando l'eternità, solleticando il futuro, la vita, i ricordi e, naturalmente, la poesia.


Fernanda Raineri, è nata in Versilia, a Massa Carrara. Tra le sue opere digitali ricordiamo Il tempo, selezionata al Concorso Internazionale di pittura, scultura e grafica, città di New York 2009 ed esposta a Torino, e Nebulo, selezionata a Tokio ed esposta ad Atene. Selezionata e premiata al prestigioso Premio Internazionale Oscar per le Arti Visive di Montecarlo. Si è classificata, inoltre, tra i 10 artisti che hanno ricevuto come ulteriore Premio l'esposizione delle loro opere al Grand Hotel di Portovenere. Pubblicazione sull'Annuario Arte e Collezionismo pittori e scultori del '900 (Casa editrice Effeci 2012), pubblicazione sul catalogo Avanguardie Artistiche 2012. Pubblicazione sul Catalogo Art Bool Selection Dicembre 2011.
Molte delle sue poesie e diversi racconti, sono stati premiati in concorsi nazionali ed Internazionali ed inserite in varie antologie. Il suo racconto Miracolo a Fortaleza è stato pubblicato a Settembre 2011 nell'antologia L'uomo ha bisogno dell'uomo (Edizioni la Gru).


Per maggiori informazioni visita le pagina web dell'autrice www.freschidistampa.net e www.fernanda-raineri.blogspot.com

PULVISCOLO DI STELLE di Fernanda Raineri
Silloge poetica
Edita da Edizioni La Gru
collana: scintille978-88-97092-24-7
pagine: 68
15 x 21 cm - brossura
prezzo: 9,00 euro
Gennaio 2012
In vendita nelle principali librerie on line:

Consigli letterari: "La Morte del Tempo" di Giancarlo Petrella

L'opera poetica La Morte del Tempo, come si può intuire, tratta del tempo; ma per giungere alla comprensione di ciò che sia il tempo, la narrazione-poetica “visita” luoghi tenebrosi, come l'oltretomba ed il Carcere della Speranza, foreste in cui le fanciulle, descritte in maniera così evanescente da evocare un sogno, danzano e sorridono alla giovinezza (l'“antica rosea dea”, come viene definita nel testo). Tuttavia il vero protagonista si scopre essere il sogno, il quale è capace di vincere i legami temporali, di mostrare un proprio regno, di manifestare l'eternità attraverso la negazione di ogni misurazione temporale prestabilita e oggettiva. L'opera, che all'inizio appare come una raccolta eterogenea di poesie, diviene sempre più un 'racconto fantastico' nel quale l'immaginazione non solo è capace di diluire il tempo, ma anche ogni preoccupazioni, ogni sofferenza e persino l' “illusione” della morte; ciò che rimane è il desiderio che pervade il tutto, ed anche la ragione tace:

«Così tanto oltre la difesa della muraglia umana, che ha il nome di ragione, ho raggiunto il fondo della valle d'abisso: dunque il nostro sguardo non ha alcun termine; ad uno ad uno ho disciolto i pensieri, e gli dei si sono mostrati come maschere dell'anima.» (dall'ultimo canto dell'Opera)

LA MORTE DEL TEMPO - L'ABISSO di Giancarlo Petrella
Aletti Editore
ISBN: 9788864987866

link vendita: ibs.it

link giveaway: (scade il 2 marzo 2012) Facebook

venerdì 24 febbraio 2012

Evento 19 marzo 2012: Presentazione prossimo libro di Maria Rita Parsi edito da Cultura & Solidarietà

Il 19 Marzo 2012 presso il Teatro San Babila a Milano si terrà, alle ore 20,30, la presentazione del prossimo libro della nota scrittrice e psicoterapeuta Maria Rita Parsi, edito da Cultura & Solidarietà.
Il libro e l'evento affrontano il mondo dell'infanzia, tematica cara all'autrice.
Durante la serata interverranno diversi ospiti, tra cui Stefano Nutti e il pianista Tino Balsamello.
Riportiamo qui di seguito l'intero programma della serata: Continua a leggere ...

Novità in libreria: "La voce invisibile del vento" di Clara Sánchez

L'atteso ritorno di una scrittrice bestseller
Dopo il grande successo de "Il profumo delle foglie di limone", ancora in classifica a un anno dall'uscita, torna Clara Sánchez con un romanzo dalla forza dirompente: La voce invisibile del vento, edito da Garzanti, Narratori moderni

Spagna, località di Las Marinas. La luce si è ritirata verso qualche luogo nel cielo. Il buio della notte avvolge le viuzze del paese e il mare è nero come la pece. 
Julia ha perso la strada di casa: è circondata dal silenzio e sente solo la voce del vento che soffia dal mare, e profuma di sale e di fiori. Non ricorda cosa sia successo: era uscita a prendere del latte per suo figlio, ma sulla strada del ritorno all'improvviso si è ritrovata in macchina senza soldi, documenti e cellulare. In pochi minuti quella che doveva essere una vacanza da sogno si è trasformata in un incubo. Per le strade non c'è nessuno, le case sulla spiaggia sembrano tutte uguali e Julia non riesce a ritrovare l'appartamento nel quale l'attendono il marito Félix e il figlio di pochi mesi. Prova a contattarli da un telefono pubblico, ma la linea è sempre occupata.

Recensione: "Journal" di Matilde Manzoni


Journal
di Matilde Manzoni

«Mi pare che si possa sopportare ogni cosa senza lamentarsi, quando si ha una madre al proprio fianco! E non c’è al mondo dolore più grave che perderla!»

Matilde, ultima di nove figli di Enrichetta Blondel e Alessandro Manzoni, n
ella sua breve vita non conobbe che la sofferenza e la morte. 
Morì tisica nel 1856, a soli ventisei anni, fra atroci sofferenze, ma non smise mai di gioire per il poco che la vita le concesse.
Il dolore più grande che dovette sopportare non fu però quello del corpo, ma quello dell'anima. Infatti, l'esperienza più crudele che segnò la sua breve esistenza fu l'abbandono.
Orfana di madre, invocò e bramò per tutta la vita l’affetto del padre, Alessandro Manzoni. Un padre tanto presente nei suoi pensieri, quanto assente nella realtà. Manzoni si limitò a inviare alla figlia lettere cariche di parole, promesse e preghiere, ma prive di ogni sostanza. Accumulò scuse su scuse, rimandando un viaggio che non si compì mai. Manzoni, infatti, non andò mai al capezzale della figlia, negandole l’unico suo desiderio e l’unico sollievo in una vita di stenti.
La purezza d’animo di Matilde la spinse a credere ciecamente alle vane promesse del padre, a non mettere mai in dubbio la sua parola, addirittura scusandosi continuamente con lui per il suo dolore, la sua malattia e il suo bisogno di affetto paterno.

Questo diario, ancora oggi purtroppo non molto conosciuto, Matilde lo tenne per pochi mesi, dal 1° gennaio al 26 marzo del 1851, quando ormai da anni viveva in Toscana ospite della sorella Vittoria e del cognato Giovanni Battista Giorgini.
In queste poche pagine scritte un po' in francese e un po' in italiano, in cui si affollano vite, persone, affetti e letture, spicca la dolcezza di Matilde, la sua semplicità, ma anche la sua saggezza.

Questo libro è un affaccio sulla vita breve e dolorosa di una ragazza che nonostante tutto non ha mai smesso di sognare, e mostra il lato privato e meno conosciuto di uno degli interpreti più importanti della letteratura italiana, Alessandro Manzoni.



♥ Recensione a cura di Libri e Poesie ♥
Edito da Adelphi
Anno 1992
Pagine 196

giovedì 23 febbraio 2012

"Qualcosa di Grande" Poesia di Cristina Fiori


QUALCOSA DI GRANDE ©

Mi porto appresso un mostro
che ormai abita in me
cibandosi della mia essenza, 
di quello che
del mio intelletto resta.
E’ qualcosa di grande
di più grande del cielo;
mi trabocca dagli occhi,
emerge fra le righe dei
miei versi,
mi tiene appesa ai giorni
e ferma qui.
Invisibile catena
imprigiona il mio cuore.
E’ palude, la mia anima
non riesce ad uscirne.
E’ fuoco che più
cerco di spegnere e più
alta ne è la fiamma.
Qualcosa di incontenibile
di incredibile, di indescrivibile
di indomabile..
forte e violenta 
acqua di fiume in piena,
inesorabilmente mi travolge
e mi trascina via.
Quel qualcosa di grande
È il mio amore per te.

(Cristina Fiori)

venerdì 17 febbraio 2012

Consigli letterari: "Notti senza luna" di Flavia Cantini


Notti senza luna
di Flavia Cantini

"Notti senza luna" di Flavia Cantini è un romanzo fantasy edito da Arduino Sacco Editore.

"La notte è buia, è autunno ormai e dal bosco si sentono i fruscii causati dalle corse furtive degli animali selvatici e, in lontananza, il gufo veglia sul buio con il suo canto di rapace notturno; io, creatura del giorno ma la cui vera identità si svolge ormai nelle tenebre, sono fuori, sdraiata nel prato poco lontano da casa, vicino al torrente e aspetto, attendo in silenzio che quei nemici, unami di giorno e poco più che larve la notte, vengano di nuovo, un’altra volta, in questa lotta che, forse, non avrà mai fine.
E so già che sarà lui a guidarli, lui, l’essere al servizio di tutto questo, di tutti quelli che combattono contro di me per quello che sono e per ciò che rappresento, lui che è duplice, che è il doppio e che devo odiare e amare nello stesso istante, la cui mano devo percuotere e stringere con dolcezza allo stesso tempo.
Come tutto questo è cominciato… Come arrivò lui nella mia vita, come arrivarono le ombre e io cominciai a vedere quel mondo invisibile, come la mia indole e il mio potere, la mia “seconda vista” si schierarono dalla parte del bene e io iniziai a essere vittima di quegli esseri di cui il mio paese natio è pieno e che, non appena si accorsero (prima di me, prima che io potessi anche solo lontanamente capire il mio modo di essere e il mio potere) chi ero e quale fuoco ardesse dentro me, subito presero a volere la mai fine e a circondarmi nelle loro spire di male e di odio.

Il tempo è molto lento per coloro che aspettano, Molto veloce per coloro che hanno paura, Molto lungo per chi si lamenta, Molto breve per quelli che festeggiano, Ma, per tutti quelli che amano, il tempo è eternità.

(William Shakespeare)



giovedì 16 febbraio 2012

Consigli letterari: "Autori verso il libro - Una finestra sull'editoria contemporanea" di Roberta Volpi

"Autori verso il libro - Una finestra sull'editoria contemporanea" di Roberta Volpi 
è scaricabile GRATUITAMENTE sul sito dell'autrice.
E' pensato principalmente per la categoria degli autori esordienti, a cui è dedicato. Un viaggio virtuale tra le diverse categorie simbolo che fanno parte di tutto l'iter editoriale ma non solo: si parte dall'idea originale che dà vita a un libro per arrivare al settore della pubblicazione. All'interno, testimonianze raccolte tra autori emergenti e professionisti del settore, tra cui il giornalista della pagina Cultura de Il Messaggero e il direttore della prestigiosa rivista letteraria nazionale Inchiostro. Vengono approfondite anche le realtà dei periodici di cultura generale online e delle agenzie letterarie, con interventi da parte dei diretti interessati.



"Oggi, per colpa di un sistema che forse non è sempre ottimale e di riferimento per gli autori, questi vengono etichettati, prima ancora di aver pubblicato, ammesso che la loro priorità sia quella: l’autore che tiene il proprio scritto nel cassetto non crede abbastanza in se stesso, quindi è un emarginato; quello che accetta di pagare per ottenere la pubblicazione non merita considerazione: è un fallito.

mercoledì 15 febbraio 2012

Beati coloro che si baceranno sempre al di là delle labbra, varcando il confine del piacere, per cibarsi dei sogni.

(Alda Merini - Clinica dell'abbandono)

Recensione: "Il Viaggio dei Ricordi" di Giampiero Paladini


Il Viaggio dei Ricordi
di Giampiero Paladini

«… E' bello condividere con qualcuno ciò che si sente, ma è necessario vivere quelle stesse parole da soli … perché è soli che si comprende se stessi, soli, senza neanche il respiro del vento a distrarci … soli con le palpebre chiuse e gli occhi rivoli all’interno, a guardare quel che succede, a volte divertiti, a volte terrorizzati, alle volte innamorati … Approvando o disapprovando … sorridendo o piangendo … ma siamo noi, e siamo vivi … e dopo aver visto ed acquisito conoscenza, ecco che inizia la condivisione; prendere la mano, stringerla ed intrecciare le dita con quella di un nuovo compagno di viaggio … spiccare il volo da una cascata per poi riposare su nuvole d’acqua … milioni di piccole gocce a ristorare la fine di un viaggio, non alla ricerca … ma di un viaggio … succede, non sempre ma a volte succede … » 
(Tratto da "Il Viaggio dei Ricordi" di Giampiero Paladini)


Nel silenzio di una Roma ancora addormentata, con la sola compagnia di un quaderno e di una macchina fotografica, con la quale immortalare ogni momento per paura di dimenticare, Andrea, trentenne studente fuoricorso, parte per un viaggio in apparenza senza meta, ma che in realtà ripercorre i luoghi cruciali di un passato felice, alla ricerca di risposte senza le quali un futuro non sarebbe possibile, perché per andare avanti bisogna riappacificarsi con i fantasmi del passato.
La sua esigenza di comprendere se stesso e il suo passato, però, lo spinge in braccio al futuro, perché ogni strada che si percorre porta a nuovi incontri che mutano il corso degli eventi e plasmano la nostra anima cambiandoci irreversibilmente.

martedì 14 febbraio 2012

Puoi conoscere il cuore di un uomo già dal modo in cui egli tratta gli animali.

(Immanuel Kant)

Le Cartoline di Libri e Poesie


I ragazzi che si amano si baciano in piedi
contro le porte della notte
e i passanti che passano li segnano a dito
ma i ragazzi che si amano
non ci sono per nessuno
ed è la loro ombra soltanto
che trema nella notte
stimolando la rabbia dei passanti
la loro rabbia il loro disprezzo le la loro invidia
I ragazzi che si amano non ci sono per nessuno
essi sono altrove molto più lontano della notte
molto più in alto del giorno
nell'abbagliante splendore del loro primo amore.

(Jacques Prévert) 

♥ San Valentino e la Leggenda dell'Amore Sublime ♥

Questa leggenda narra di un giovane centurione romano di nome Sabino che, passeggiando per una piazza di Terni, vide una bella ragazza di nome Serapia e se ne innamorò follemente.
Sabino chiese ai genitori di Serapia di poterla sposare ma ricevette un secco rifiuto: Sabino era pagano mentre la famiglia di Serapia era di religione cristiana. Per superare questo ostacolo, la bella Serapia suggerì al suo amato di andare dal loro Vescovo Valentino per avvicinarsi alla religione della sua famiglia e 
ricevere il battesimo, cosa che lui fece in nome del suo amore. 
Purtroppo, proprio mentre si preparavano i festeggiamenti per il battesimo di Sabino ( e per le prossime nozze), Serapia si ammalò di tisi. Valentino fu chiamato al capezzale della ragazza oramai moribonda. Sabino supplicò Valentino affinché non fosse separato dalla sua amata: la vita senza di lei sarebbe stata solo una lunga sofferenza. Valentino battezzò il giovane, ed unì i due in matrimonio e mentre levò le mani in alto per la benedizione, un sonno beatificante avvolse quei due cuori per l'eternità. 



♥ Buon San Valentino a tutti gli innamorati dell'AMORE ♥


domenica 12 febbraio 2012

La speranza è una cosa buona, forse la migliore delle cose, e le cose buone non muoiono mai.

(Le ali della libertà)

Libri e Poesie partecipa all'iniziativa "Il mio blog è CO2 neutral"

Grazie ad un'iniziativa ambientalista promossa da DoveConviene.it posso finalmente annunciare che il blog di Libri e Poesie è da oggi ad impatto zero!


L'iniziativa in questione si chiama "il mio blog è CO2 neutral" ed il suo funzionamento è molto semplice: il blogger dichiara la sua disponibilità ad abbattere l'impronta ecologica del proprio sito e DoveConviene.it, in collaborazione con iplantatree.org, provvederà a piantare un albero in zone soggette a processi di riforestazione.
L'effetto benefico di questa iniziativa è garantito.

Da dove siamo nati?

Da dove siamo nati?

Dall'amore.

Come saremmo perduti?

Senza amore.

Cosa ci aiuta a superarci?

L'amore.

Si può trovare anche l'amore?

Con amore.

Cosa abbrevia il pianto?

L'amore.

Cosa deve unirci sempre?

L'amore.


(Goethe)


"Le storie della salamandra" di Paolo Durando

Le storie della salamandra
di Paolo Durando

“Io rappresento il passato del futuro. Sono il cimelio, la reliquia in cui è racchiusa la storia dell’evoluzione”

Leggere "Le storie della salamandra" di Paolo Durando edito da Abel Books significa immergersi in panorami e situazioni fantascientifiche, dove il tempo e lo spazio si fondono e si annullano in un balletto che ha come scopo l’introspezione dei protagonisti.
I quattro racconti narrati nel libro, “l’Unico”, “Amore con varianti”, “Francesco Uomo” e “I molteplici”, catapultano il lettore in tempi lontani, nel passato e nel futuro, attraverso salti spazio-temporali e universi paralleli, ma dove l’unico vero viaggio, nonché quello più importante, è quello dentro se stessi.

sabato 11 febbraio 2012

Consigli letterari: "Il Non-Amore ai tempi di Facebook" di Enrico Nascimbeni

Il Non-Amore ai tempi di
Facebook
di Enrico Nascimbeni

A tre anni dalla pubblicazione di “Non-Poesie - L’amore ai tempi di Myspace”, con cui Enrico Nascimbeni ha riscosso un notevole successo di pubblico e critica, lo scrittore veronese presenta la sua ultima fatica editoriale: “Il non-amore ai tempi di Facebook”. Il titolo suggerisce immediatamente la volontà di recuperare i contenuti del libro pubblicato qualche anno prima, sottolineando, però, delle precise differenze dettate dai cambiamenti temporali e dalle mutate esperienze emozionali e sentimentali: le Non-Poesie si trasformano nel Non-amore e Myspace lascia il posto a Facebook. Così Nascimbeni sceglie di ristampare la raccolta poetica pubblicata nel 2009, aggiungendo nuovi componimenti e rivisitando i vecchi.
Il 17 febbraio prossimo, in occasione di una Conferenza Stampa al Teatro Ariston, il libro, edito da Rupe Mutevole Edizioni nella collana La Quiete e L’inquietudine, sarà presentato ufficialmente alla stampa.

venerdì 10 febbraio 2012

Consigli letterari: "Fragili Emozioni" di Paola Secondin

Fragili Emozioni
di
Paola Secondin
Questo è il mio primo libro.Una raccolta di poesie ispirate alle emozioni che ogni giorno la vita ci offre.
Poesie che parlano d'amore, di sentimenti vissuti, di emozioni che ogni anima sensibile conserva nel cuore, poesie intessute di ricordi, di felicità, di malinconia,
poesie dedicate ad amori passati e a persone importanti, poesie romantiche e nostalgiche...
Le poesie dovrebbero emozionare, io ho cercato di tradurre in rime e versi le emozioni del cuore e della vita quotidiana, con sentimento.
Ogni poesia è un frammento di me, di quello che mi porto dentro nell'anima, del mio passato e del mio presente.
Le mie poesie hanno un mio stile personale, ma si può cogliere in esse l'influsso dei poeti del Decadentismo Ottocentesco, che ho letto e amato negli anni di Liceo.

(Paola Secondin)

venerdì 3 febbraio 2012

Consigli letterari: "Bruchi e farfalle" di Cristina Fiore

Raccolta di Poesie
Bruchi e farfalle
di Cristina Fiore

LA TORRE DEI MIEI ANNI
Salgo la torre
dei miei anni,
ad ogni gradino
riesco a guardare
più lontano.
Spero solo
non giunga la nebbia
ad ostacolare
la mia vista.
Salgo la torre
dei miei anni,
e quando
l'apice raggiungerò
si sarà fatta notte.
Quel giorno io
toccherò la luna.
BRUCHI E FARFALLE di Cristina Fiore
Raccolta di poesie
Libro POESIE 72 pagine
1a edizione 1/2012
ISBN: 9788891012456
In vendita su lafeltrinelli.it

giovedì 2 febbraio 2012

Consigli letterari: "Ho bisogno di un tom tom" di Adriana Pasetto

Ho bisogno di un tom tom
di Adriana Pasetto

Il mio libro d'esordio si intitola "Ho bisogno di un tom tom": nonostante un titolo e forse una copertina fuorviante, sta a simboleggiare un viaggio interiore, di introspezione, che ho compiuto tramite ciò che scrivevo. Un diario non datato, nel quale sentimenti, sensazioni ed emozioni prendono il sopravvento rispetto ai giorni e alle ore, perché siamo portati a ricordare come siamo stati e non quando; una raccolta di pensieri, racconti e poesie che semplicemente inglobano il mio essere; un'opera intimistica per un pubblico che può riconoscersi come no.

Adriana Pasetto

"Condividere un gesto quotidiano, un silenzio, una risata e una parola trattenuta in gola. Il benessere e il malessere sono dosi che in egual parte vanno a formare la complicità che si instaura tra due persone ma ciò che più conta è saper far ciò senza bisogno di usare quelle stupide parole." 
(Tratto da "Ho bisogno di un tom tom" di Adriana Pasetto)

Per saperne di più, visita la pagina Facebook

HO BISOGNO DI UN TOM TOM di Adriana Pasetto
ISBN 9788865954966
Acquistalo su ibs.it
Ho bisogno di un Tom Tom su amazon.it
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

comprovendolibri.it

Vota Libri e Poesie