Poesia: Ah vastità di pini di Pablo Neruda

Ah vastità di pini, rumore di onde spezzate,
lento gioco di luci, campana solitaria,
se il crepuscolo cade nei tuoi occhi di bambola,
mia chiocciola terrestre, in te la terra canta.

In te cantano i fiumi e in essi la mia anima
a tuo capriccio fugge là dove tu vorrai.
Insegnami la strada nel tuo arco di speranza
e sfrenerò il mio stormo delirante di frecce.

Io vedo intorno a me la tua fascia di nebbia
e il tuo silenzio preme le mie ore fuggitive
ed è nelle tur braccia di pietra trasparente
che i miei baci hanno il porto e la mia umida ansia
ha il nido.

Ah la tua voce misteriosa che amore colorisce e piega
nel vespero che muore pieno d'echi.
Così in ore profonde nella campagna ho visto
ripiegarsi le spighe nella bocca del vento.

Commenti