Poesia inedita: Come una bolla di sapone


Sono una bolla di sapone,
muta e diafana
galleggio nel frastuono che mi circonda
in balia degli eventi,
non ho una meta,
non ho una visione chiara delle cose,
tutto mi appare distorto dalla mia stessa rotondità.
Leggera,
vuota,
quasi impercettibile
mi aggiro per questo angolo di mondo,
e il tormento che mi soffoca
è mimetizzato dal cangiare dei colori
che rimbalzano sulla mia superficie,
ma sono fragile,
fragile a tal punto
che la più leggera spira di vento
può farmi scoppiare,
per farmi scomparire
definitivamente
lasciando solo
una manciata di piccolissime goccioline
che si disperdono nell’aria.
Ogni attimo può essere l’ultimo.

Commenti